Perugia, sul coltello di Sollecito il dna di Meredith e di Amanda

perugia%20raffa%20e%20amanda%20meredith.jpg

UPDATE 18.30: Facciamo chiarezza: il coltello non era uno di quelli che Raffaele era solito portarsi dietro. E' stato trovato in un cassetto in casa sua ed è un coltello da cucina. Sul manico c'è il dna di Amanda, sulla punta quello di Meredith. E' stato pulito con la candeggina, che toglie il sangue ma non il dna. Oltretutto la candeggina reagisce al luminol proprio come il sangue.

--------------------------- 

Forse siamo ad un punto di svolta, speriamo, visto che molti, anche per il caso di Meredith, uccisa nella sua casa di Perugia una quindicina di giorni fa, hanno pensato ad un nuovo caso Garlasco, che ancora non ha dato un nome all'assassino di Chiara Poggi.

Gli inquirenti sono a lavoro sui reperti trovati in casa di Meredith e stanno analizzando le impronte e il coltello di Raffele Sollecito, sequestrato durante le perquisizioni dei giorni scorsi.

Ma proprio su quest'ultimo reperto ci sono delle novità: a quanto pare sul coltello di Sollecito sarebbe presente il Dna di Meredith e di Amanda Knox, la sua ormai ex-fidanzata.

Scrivono le agenzie e i giornali.

«Elementi importanti» contro Amanda Knox e Raffaele Sollecito sono emersi dall'esito degli esami della polizia scientifica. I due, insieme al congolese Patrick Lumumba, sono accusati dell'omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher. La polizia scientifica ha individuato il Dna di Meredith e della studentessa americana Knox su uno dei coltelli sequestrati a Sollecito.

Dopo la pubblicazione delle immagini di Amanda che torna a casa questo sembrerebbe essere un importante passo avanti. Diversa invece la posizione di Lumumba.

Sono state avviate giovedì mattina le operazioni di duplicazione dei cinque hard disk contenuti all'interno del computer di Sollecito. Secondo gli esperti della polizia postale non è possibile stabilire con precisione quanto tempo occorrerà per portare a termine questa prima parte degli accertamenti anche se si parla indicativamente di 18-22 ore. Intanto dai primi risultati degli accertamenti svolti mercoledì sera dal personale dell'Ert (esperti ricerca tracce) all'interno del pub gestito a Perugia da Lumumba, non sarebbero state trovate tracce di sangue o di liquidi biologici. Secondo quanto appreso da uno dei legali di Lumumba, dal locale la polizia scientifica ha portato via una piccola spugna e uno strofinaccio sui quali saranno eseguiti altri accertamenti.

Insomma, la figura del congolese rimane per ora quella più misteriosa. E' stato accusato da Amanda ma ancora non si capisce se sia realmente estraneo alla vicenda. Nessuna traccia che possa ricondurre a lui è stata trovata, ma la mancanza di un alibi per ora lo rende uno dei possibili sospettati.

Il dna sul coltello è un importante passo avanti per la scientifica, uno spiraglio di soluzione del caso per coloro che cercano giustizia per l'omicidio di Meredith. Ora si vedrà quali altri risultati usciranno dalle analisi dei reperti scientifici.

Anche perchè, sinceramente, non siamo in grado di capire cosa voglia dire la presenza del sangue delle due ragazze sul coltello. Non si sa chi l'abbia veramente usato: Amanda, Raffaele o una terza persona? 

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO