Aborto a Napoli, blitz in stile anti-camorra: perchè?

feto.jpg

Mentre la battaglia sull'aborto si fa sempre più aspra, soprattutto ora che siamo vicino alle elezioni, visto che ormai questo tipo di battaglia ha una connotazione politica (purtroppo), la notizia del sequestro del feto da parte della polizia è qualcosa che agita ancor di più le acque.

Si parla di un vero e propri blitz della polizia nella Clinica ostetrica del Nuovo Policlinico di Napoli. Un medico ha definito le modalità di intervento in stile anticamorra, ma era una semplice interruzione di gravidanza. Inevitabile, come dicevamo, il riferimetno all'acceso clima politico.

Ma perchè sono arrivati in stile film per sequestrare un feto? Si parla di un presunto aborto fuorilegge su una donna di 39 anni. Alla polizia è giunta una segnalazione anonima.

I medici, tuttavia, sostengono che l’interruzione terapeutica di gravidanza sia stata «praticata alla ventunesima settimana di gravidanza, come previsto dall’articolo 6 della legge 194/78, eseguita con un’iniezione di prostaglandine». E sono le parole del primario del reparto, che spiega anche che Il feto presentava un’alterazione cromosomica. Se la gravidanza fosse stata portata a termine, ci sarebbe stato il 40% di possibilità di un deficit mentale. La donna ha presentato un certificato psichiatrico della stessa struttura universitaria sul rischio di grave danno alla salute psichica.

Insomma, uno di quei casi un cui, laicamente parlando, l'aborto non è condannato. 

Scrive il Giornale :

Pochi minuti dopo l’aborto, avvenuto due giorni fa, il reparto è stato invaso dai poliziotti. La madre, ancora sofferente, è stata interrogata e, con lei, la sua vicina di letto. Non è proprio soddisfatto del comportamento tenuto dagli investigatori, il dottor Francesco Leone, responsabile del servizio Ivg (Interruzione volontaria di gravidanza). «Capisco che gli agenti fossero lì per compiere il proprio lavoro, ma in un momento tanto delicato e doloroso per una donna, era necessario avere un po’ più di riguardo per la mia paziente. Quando è uscita dalla sala parto, ha trovato gli agenti che già la stavano aspettando».

Bene, non contenti delle modalità hanno anche sequestrato il feto: un bimbo di 500 grammi. Insomma, le polemiche non mancano e non mancheranno.

Cosa ne pensate? 

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO